La gabbianella in pericolo

Arrivo un mattino a Spotorno, nel parcheggiare l’auto noto subito sopra di me un gabbiano che gira sul piazzale e lancia urla strazianti e minacciose. A stento riesco a scendere dall’auto, perché lui (che in realtà è una lei) ha tutta l’aria di volermi attaccare e cacciarmi via. Ben presto scopro che la gabbiana difende i due cuccioli di pochi giorni e il nido che ha fatto a terra in mezzo ai cespugli che costeggiano il parking.

La gabbiana sul palo della luce

La gabbiana di vedetta sul palo della luce nel giardino vicino al parcheggio. (Grazie a Cinzia per la foto)

Un operario che sta lavorando nel giardino brandisce una pala con l’intenzione di abbatterla: “Adesso gli do una badilata”. Gli urlo che guai a lui, e chiamo la polizia locale. Mi tengo a distanza dal nido, e vigilo che nessuno si avvicini. La gabbiana sta appollaiata su un palo della luce e ci guarda preoccupata e aggressiva. Arriva la polizia e ricorda a chi vuol fare piazza pulita che quella è una specie protetta e che rischia sanzioni.

Chiamo degli amici animalisti come me, racconto la vicenda e chiedo consigli e aiuto. Mi spiegano che molto probabilmente il posto scelto dalla gabbiana per la cova, così inusuale, dipende dalla sovrappopolazione della colonia che da sempre nidifica sull’isola di Bergeggi e sul promontorio su cui si affaccia Spotorno. Problemi di convivenza dunque, essendo il gabbiano un animale fortemente territoriale. Ma ora la gabbiana ha problemi di convivenza con gli umani. Non con tutti, perché c’è qualcuno che, a debita distanza, le da’ da mangiare: addirittura da uno dei balconi si gettano pescetti.

Quando riparto so che il nostro gruppo di animalisti mi darà il cambio nel garantirle un cordone di sicurezza. Anna mi spiega un po’ come funzionano i gabbiani, valutiamo cosa fare, i pro e i contro, e alla fine decidiamo di far intervenire Maria, una volontaria dell’Enpa. Appena arrivati si rendono conto che la gabbiana (certo giovincella e priva di esperienza) ha scelto davvero un posto infelice e molto critico, dovrà passare ancora molto tempo prima che i piccoli sappiano volare, troppo tempo: è evidente che per salvare tutti e tre occorra spostarli. Non sarà facile, la mamma è molto inquieta e spaventata.

I gabbianini dietro la siepe

I gabbianini dietro la siepe, non si vedono ma si sentono!

Il tentativo verrà fatto poco dopo dall’Enpa con competenza e delicatezza, in un momento della giornata con meno traffico di auto e passaggio umano. I cuccioli sono stati prelevati e salvati, e verranno svezzati artificialmente perché purtroppo la madre ha resistito a ogni tentativo di cattura.

Eravamo tutti un po’ tristi, speravamo di salvare l’intera famiglia, ma ci consola il pensiero che i cuccioli se la caveranno e che la madre, passata la disperazione, ci riproverà.

Solo questo potevamo fare, e l’abbiamo fatto.

A distanza di una settimana Cinzia ci manda la foto dei piccoli, che come si vede stanno bene e sono bene accuditi.

I gabbianini all'Enpa

I gabbianini all’Enpa

Ti potrebbe anche interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si avvale di uso di cookie tecnici e di terze parti necessari al funzionamento e utili per tutte le finalità illustrate nella Informativa estesa o Cookies Policy. Se vuoi avere maggiori informazioni per proseguire nella navigazione di Libera Tutti oppure negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies, consulta la Informativa Estesa o Cookies Policy che segue. Cliccando su Accetta acconsenti uso dei cookies stessi Informativa Estesa o Cookies Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi